Eni avvia lo studio di fattibilità agronomico per il Progetto Guayule

(Teleborsa) – E’ stata siglata oggi la Lettera di Intenti tra Eni  e l’Ente di Sviluppo Agricolo della Regione Sicilia (ESA) per l’avvio dello Studio di fattibilità agronomico per la coltivazione sperimentale del guayule in Sicilia.

Lo annuncia Eni in una nota dove si legge che all’interno del Protocollo di Intesa per l’Area di Gela, l’azienda del cane a sei zampe si è impegnata ad effettuare uno studio di fattibilità agro/industriale per la realizzazione di un progetto per la produzione di lattice di gomma naturale a partire dalla pianta del guayule, con sviluppo della relativa filiera agricola.

Lo studio sarà condotto dall’ESA e da Versalis, controllata di Eni, che ha avviato negli ultimi anni lo sviluppo di piattaforme green per la produzione di prodotti chimici bio.

L’obiettivo è  verificare l’idoneità della coltivazione in via sperimentale del prodotto naturale guayule rispetto al microclima della Regione Sicilia, ai fini di una coltivazione su larga scala.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Eni avvia lo studio di fattibilità agronomico per il Progetto Guayule