ENI avvia la seconda unità di produzione di Zohr

(Teleborsa) – ENI viaggia in rialzo a Piazza Affari.

Il gruppo del cane a sei zampe mostra un guadagno dello 0,85%, mentre ha annunciato di avere avviato la seconda unità di produzione (T-1) del progetto Zohr, che porterà una capacità installata aggiuntiva di 400 milioni di piedi cubi stardard di gas al giorno, (MMScfd) a soli quattro mesi dall’avvio della produzione. Zohr avrà ora una capacità di 800 Million standard cubic feet per day (MMscfd), equivalenti a 150.000 boe al giorno (46.000 boe/giorno in quota ENI).

Le tappe di produzione prevedono il raggiungimento di 1,2 miliardi di piedi cubi di gas al giorno (bcfd) entro maggio 2018, 2 bcfd entro il 2018 e il plateau di produzione di 2,7 bcfd nel 2019.

Il giacimento di Zohr, la più grande scoperta di gas mai realizzata in Egitto e nel Mar Mediterraneo, si trova al largo delle coste egiziane, nel blocco di Shorouk, a circa 190 km a nord di Port Said. Zohr è stato scoperto ad agosto 2015 ha ottenuto l’approvazione per il Development Lease a febbraio 2016 e ha iniziato la produzione a dicembre 2017, con un time to market di 2,3 anni.

ENI detiene una partecipazione del 60% nel blocco di Shorouk, Rosneft il 30% e BP il 10%. A marzo 2018, il gruppo ha concordato la cessione a Mubadala Petroleum di un 10% della sua quota nella concessione. Il progetto è operato da Petrobel, la società operativa detenuta congiuntamente da Eni e dalla società statale Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC), per conto di Petroshorouk, detenuta congiuntamente dal Contractor (Eni e i suoi partner) e dalla società di stato Egyptian Natural Gas holding Company (EGAS).

Commentando la capacità operativa di Saipem , Claudio Descalzi, A.D. di ENI ha sottolineato che “in 37 anni di oil & gas personalmente non ho mai visto una efficienza di lavoro come quella di Saipem a Zohr“. Saipem “la sosteniamo perchè pensiamo che sia robusta, un’ottima società”, ha aggiunto Descalzi che ribadisce la sua fiducia nel General Contractor. Solo qualche giorno fa, Descalzi, nel corso dell’investor Day a Milano aveva assicurato di non avere alcuna nessuna intenzione di vendere la quota in Saipem.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ENI avvia la seconda unità di produzione di Zohr