Eni avvia in anticipo a “tempi record” produzione al largo Ghana

(Teleborsa) – In soli 2 anni e mezzo e con 3 mesi di anticipo rispetto al piano di sviluppo e con un time-to-market record l’avvio della produzione di “olio” e “gas” dall’Oceano Atlantico al largo della costa del Ghana. Il progetto OCTP (Offshore Cape Three Points Block) di Eni , situato in acque profonde nel ricco bacino del Tano, a circa 60 chilometri dalla costa della Western Region, mette così in produzione i campi di Sankofa Main, Sankofa East e Gye-Nyame.

Campi che comprendono complessivamente volumi per oltre 770 milioni di barili di olio equivalenti, di cui 500 milioni di barili di olio in posto e 270 milioni di barili equivalenti di gas non-associato (circa 40 miliardi di metri cubi). Il progetto include lo sviluppo dei campi a gas, la cui produzione sarà dedicata interamente al mercato domestico.

L’estrazione avviene attraverso l’unità galleggiante di produzione, stoccaggio e offloading (FPSO) “John Agyekum Kufuor”, capace di produrre fino a 85.000 barili di olio equivalente al giorno attraverso 18 pozzi sottomarini. 

“Arrivare alla produzione dopo soli due anni e mezzo dall’approvazione del Piano di Sviluppo – ha commentato l’Ad di Eni, Claudio Descalzi – è un risultato straordinario e motivo di grande orgoglio. Certifica le nostre competenze e conoscenze esplorative, la nostra visione nello sviluppo dei giacimenti, e conferma l’efficacia del nuovo modello operativo di Eni”. 

Il Blocco OCTP è operato da Eni con una quota del 44,44%, mentre Vitol detiene 35,56% e Ghana National Petroleum Corporation (GNPC) il 20%. Eni è presente in Ghana dal 2009 tramite la controllata Eni Ghana, e con l’avvio della produzione dell’OCTP Integrated Oil&Gas Development Project diviene uno dei principali operatori nel Paese.

Eni avvia in anticipo a “tempi record” produzione al largo...