Engie fra i migliori datori di lavoro per valorizzazione persone e sostenibilità

(Teleborsa) – ENGIE si classifica fra i migliori datori di lavoro, grazie all’attenzione prestata ad una serie di aspetti quali il clima di lavoro, lo sviluppo professionale, le prospettive di crescita, la sostenibilità ed i valori aziendali. E’ quanto emerge dalla quarta edizione dello studio “Top Job 2021-2022”, realizzato dell’Istituto tedesco Qualità Finanza in sinergia con La Repubblica-Af, in cui vengono premiati i 300 migliori datori di lavoro del nostro paese.

“Siamo molto orgogliosi di questo risultato poiché è il frutto dell’impegno costante di ENGIE nella valorizzazione delle persone. Siamo guidati da 4 valori fondamentali: essere coraggiosi, esigenti, aperti e attenti alle persone e all’ambiente”, commenta Sara Callegari, HR, HSE, PROCUREMENT Director di ENGIE Italia.

ENGIE è risultata così al primo posto nel settore GAS e LUCE della categoria Energia e Materie Prime, assicurandosi il massimo punteggio di 100 punti grazie ai suo valori, che non trascurano l’attenzione alla diversità ed all’inclusione ed alla gender equality.

“Abbiamo lanciato diverse iniziative finalizzate a rafforzare le competenze dei nostri collaboratori, realizziamo progetti di formazione che permettono di intraprendere percorsi di crescita personale e professionale. Ne è un esempio il programma ENGIE Development Path, alla cui base vi è il collaboratore come parte attiva nella definizione dei suoi percorsi di sviluppo, in linea con le esigenze interne e del mercato”, spiega Callegari.

“A questo si aggiunge l’attenzione ai temi della diversity & inclusion che sono per noi tra le priorità. Valorizziamo – sottolinea la responsabile delle risorse umane – la age diversity, attraverso iniziative dedicate, quali ad esempio progetti motivazionali per gli Over50, consentendo a ben 4 generazioni di lavorare in armonia nella nostra azienda”.

“Per colmare il Gender Gap e il Gender pay gap – aggiunge – ENGIE a livello globale si è impegnata a raggiungere il 50% di donne manager entro il 2030. In Italia, oltre ad avere un CEO donna, abbiamo un comitato esecutivo composto al 50% da donne e al 50% da uomini. Abbiamo inoltre lanciato un progetto insieme al Consorzio Elis per promuovere nelle scuole percorsi di studio STEM per le donne, attraverso colleghe che diventano ambassador di percorsi di successo in ambito scientifico. Tutte le nostre iniziative hanno l’obiettivo concreto di porre le persone al centro”.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Engie fra i migliori datori di lavoro per valorizzazione persone e sos...