Energia, torna a crescere la domanda in Italia

(Teleborsa) – Negli ultimi undici mesi del 2015 aumenta la domanda energetica in Italia che è cresciuta del 2,8%, segnando una netta frattura con quanto registrato negli anni precedenti e confermando il cambiamento del clima economico e produttivo. E’ quanto rivela l’ultima analisi dell’Associazione Italiana Economisti dell’Energia, partita dalle nuove serie predisposte dal Ministero dello Sviluppo economico.

Nel solo mese di novembre, la domanda complessiva di energia in Italia ha registrato una variazione positiva del 5%, proseguendo il trend positivo in atto dall’inizio dell’anno.

Gas naturale e prodotti petroliferi si confermano leader del movimento di recupero.  Il gas naturale è la fonte a maggior crescita, con una variazione da inizio anno dell’ 8,8%, grazie alla spinta decisiva proveniente dal settore termoelettrico.

Il petrolio registra un incremento del 5,5%, con il supporto di tutti i settori di impiego, in un contesto di prezzi della materia prima che ricorda il contro-shock del 1986.  Incrementi che insieme ad alri fattori hanno determinato un eccesso di offerta spingendo i prezzi ai minimi dal 2005 

Le fonti rinnovabili, a causa della forte riduzione dell’apporto idroelettrico solo in parte compensato dall’aumento della produzione geotermoelettrica, fotovoltaica ed eolica, hanno evidenziato una variazione negativa del 5,7%.

Nel periodo considerato, la domanda di elettricità ha registrato un aumento dell’1,6%, che conferma la prospettiva di un 2015 diverso dagli anni precedenti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Energia, torna a crescere la domanda in Italia