Energia, nel 2030 domanda vista sui livelli del 1988

(Teleborsa) – La domanda di energia primaria complessiva nel 2030 dovrebbe attestarsi a 155,8 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (MTEP), un volume quasi equivalente a quello del 1988, con una notevole presenza delle rinnovabili che dovrebbero coprire oltre il 25% della domanda totale, rispetto al 35,8% del gas naturale e a circa il 33% del petrolio.

E’ quanto emerso nelle “Previsioni di domanda energetica e petrolifera italiana 2018-2030”, curato dall’Unione Petrolifera, secondo la quale le emissioni di CO2 al 2030 dovrebbero risultare più basse del 40% rispetto al 2005; quelle derivanti dai prodotti petroliferi nel 2030 saranno invece inferiori di oltre il 43%.

L’UP prevede che la domanda petrolifera risentirà naturalmente del progressivo affermarsi di forme di mobilità alternative, con un volume al 2030 intorno ai 54 MTonn, ossia 4,2 MTonn in meno rispetto ad oggi. I consumi di raffineria sono previsti ridursi in conseguenza della tendenziale contrazione della domanda al consumo finale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Energia, nel 2030 domanda vista sui livelli del 1988