Energia e big data, Péruzy (AU): “SII infrastruttura strategica, garanzia sicurezza è cruciale”

(Teleborsa) – Energia, consumi e big data: la sfida si gioca sulla sicurezza dei sistemi informativi. La Cyber security delle banche dati e del sistema energetico è infatti un aspetto da non trascurare, considerando l’importanza rivestita dall’informazione sui comportamenti di consumo degli individui, che rappresenta un fattore strategico per un Paese. Questo aspetto non è stato certamente trascurato dall’UE, che ha emanato una Direttiva sulla sicurezza delle reti e delle banche dati, ma anche l’Italia è in procinto di adeguare il quadro normativo per garantire la sicurezza del  Sistema Informativo Integrato (SII) gestito da Acquirente Unico.

“Il Sistema Informativo Integrato rappresenta una infrastruttura essenziale per la fornitura di energia elettrica e gas. Due servizi vitali, la cui fruizione è tra l’altro rivelatrice delle caratteristiche sociali ed economiche degli individui. Per questo, Acquirente Unico lavora costantemente nella direzione di assicurare riservatezza e integrità dei dati di consumo registrati nel SII”.

Così il Presidente e Amministratore Delegato di Acquirente Unico, Andrea Péruzy, a valle del suo intervento all’incontro del Club Ambrosetti di Bruxelles “Towards an effective European (cyber)security policy” alla presenza di Julian King, Commissario per la Sicurezza dell’Unione.

“E’ essenziale che si giunga anche in Italia a un quadro normativo esaustivo in materia di cyber security”, ha proseguito Péruzy, in vista della scadenza del 9 maggio 2018  per il recepimento della Direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nei settori dei servizi essenziali e digitali.

Lo schema di Decreto Legislativo recante l’attuazione della Direttiva è stato approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri lo scorso 8 febbraio e si trova ora al vaglio della Commissione Speciale della Camera. Il documento prevede, tra le altre cose, che entro il 9 novembre siano identificati gli operatori dei servizi essenziali che dovranno attenersi agli obblighi in materia di cyber security sanciti dalla Direttiva.

“Agire con tempestività in fatto di cyber security – ha aggiunto Péruzy – è tanto più importante in vista della possibilità per i consumatori di accedere ai dati registrati nel SII, come previsto dalla Legge di Bilancio 2017 e da alcune consultazioni dell’Autorità di regolazione di settore”.

“Il mercato, fatto di imprese e consumatori, può trarre grande valore dal sicuro utilizzo dei dati di consumo individuali. Penso, per esempio, a una scelta più consapevole tra offerte o all’adozione di misure di risparmio energetico”, ha osservato l’AD di Acquirente Unico, aggiungendo “affinché ciò accada è necessario che i consumatori non siano scoraggiati dal partecipare al mercato. E che, quindi, tanto loro quanto gli operatori abbiano certezza che una infrastruttura strategica come il SII abbia in dotazione delle misure più avanzate per assicurare autenticità, riservatezza e integrità dei dati in essa contenuti”.

Con quest’ultimo incontro e dopo la presenza, tra gli appuntamenti più importanti, al workshop del Bruegel Institute “Impact of Brexit on the EU energy system” e al primo Forum nazionale sulla “Povertà Energetica in Spagna”, continua il percorso di Acquirente Unico in campo europeo.
 
Acquirente Unico porta, così, la propria esperienza in merito a temi quali la povertà energetica, le misure per la tutela della riservatezza e integrità dei dati di consumo dei clienti finali di energia, l’evoluzione dei mercati energetici e  la gestione delle scorte strategiche di petrolio.

Energia e big data, Péruzy (AU): “SII infrastruttura strategica...