Energia, consumi petroliferi in crescita del 48,6% in aprile

(Teleborsa) – I consumi petroliferi hanno registrato ad aprile un +48,6% rispetto al 2020, risentendo del fatto che lo scorso anno, in pieno lockdown, si toccò il livello di consumi più basso degli ultimi 50 anni. Se il confronto viene fatto con aprile 2019, infatti, l’incremento si trasforma in un calo di oltre il 15%. E’ quanto rileva un report di Unem – Unione energie per la mobilità.

I consumi ad aprile – si sottolinea – hanno risentito di uno stop di tre giorni in concomitanza delle festività pasquali e del progressivo allentamento delle misure restrittive, con il passaggio di molte zone da “rosse” ad “arancio” e poi “gialle”.

Benzina e gasolio insieme hanno mostrato una crescita di circa il 126%, mentre il carburante per aerei del 280%; se il confronto viene fatto con il 2019, ultimo anno di “normalità” prima della pandemia, si registra un -15% per benzina e gasolio e -71% per l’avio. In deciso aumento lubrificanti (+168,4%) e bitume (+66%), entrambi con livelli di consumo superiori a quelli di aprile 2019.Segnali positivi, ma meno consistenti, anche per il bunker (+20,6%) e il gpl (+47,2%).

Per il mese di maggio 2021, la previsione è di recuperare circa 1 milione di tonnellate rispetto alle 1,7 perse a maggio 2020, dato il protrarsi di un contesto economico ancora debole. Valutazioni che scontano un margine di incertezza relativo all’effetto delle nuove misure del governo per le riaperture.

Uncem cita come elemento positivo anche il deciso balzo per le immatricolazioni di auto che, nonostante la forte crescita delle ibride, per il 65% sono ad alimentazione “tradizionale”. Nuova entrata nella rilevazione per le immatricolazioni di TIR a GNL che ad aprile sono state 204 rispetto alle circa 40 dello scorso anno (+410%).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Energia, consumi petroliferi in crescita del 48,6% in aprile