Enel, CdA delibera emissione prestiti obbligazionari fino a 3 miliardi

(Teleborsa) – Il consiglio di amministrazione di Enel ha autorizzato l’emissione, entro il 31 dicembre 2021, di uno o più prestiti obbligazionari non convertibili subordinati ibridi, anche di natura perpetua, per un importo massimo pari al controvalore di 3 miliardi di euro, da collocare esclusivamente presso investitori istituzionali, europei ed extra-europei, anche attraverso private placements.

Il CdA ha inoltre revocato per la parte non ancora eseguita, pari a circa 0,9 miliardi di euro, la precedente delibera del 10 giugno 2020 relativa all’emissione di uno o più prestiti obbligazionari da parte della società, fatti salvi tutti gli effetti relativi alle emissioni già effettuate.

Le nuove emissioni serviranno a rafforzare e ottimizzare la struttura patrimoniale del gruppo,oltre a rifinanziare le obbligazioni ibride in scadenza nel 2021, consentendo al gruppo di “mantenere una struttura patrimoniale e finanziaria coerente con i criteri di valutazione delle agenzie di rating”, sottolinea la società.

Il CdA ha demandato al CEO il compito di decidere in merito all’emissione delle nuove obbligazioni e alle rispettive caratteristiche e, quindi, di fissare per ogni emissione, tenendo conto dell’evoluzione delle condizioni di mercato, i tempi, l’importo, la valuta, il tasso di interesse e gli ulteriori termini e condizioni, nonché le modalità di collocamento e l’eventuale quotazione presso mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Enel, CdA delibera emissione prestiti obbligazionari fino a 3 miliardi