Enea, comunità energetiche: l’innovazione che fa bene

(Teleborsa) – Promuovere modelli innovativi e replicabili di gestione delle comunità energetiche attraverso strumenti hi-tech, nuove collaborazioni con enti locali e istituzioni sul territorio nazionale e la creazione di un tavolo di confronto permanente tra mondo della ricerca, istituzioni, municipalità, aziende e associazioni di categoria. Questo l’obiettivo della proposta dell’Enea (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) – per la governance delle comunità energetiche basata su un insieme coordinato di interventi tecnologici, economici e sociali volti a migliorare sostenibilità ambientale, qualità della vita dei cittadini e coesione sociale – così come emerge nel corso del convegno on-line Sviluppo e futuro delle comunità energetiche in Italia, organizzato dal dipartimento dell’Enea di Tecnologie energetiche e fonti rinnovabili.


“Il modello legislativo che regolamenta le comunità energetiche funziona bene e sta iniziando a dare i suoi frutti – osserva Federico Testa, presidente dell’Enea – adesso occorre però investire sulle piattaforme e sulle infrastrutture digitali in modo da convincere chi ha ancora dei dubbi sulla nascita delle comunità energetiche che puntano sull’autoconsumo dell’energia elettrica prodotta dalle fonti rinnovabili”.

“Il primo dei vantaggi – rileva Gianni Girotto, Presidente della Commissione Industria a Palazzo Madama – è quello economico, con un risparmio del 20-25% sulla bolletta. Inoltre c’è un beneficio a livello nazionale, dal momento che con la crescita delle comunità e dell’autoconsumo riusciamo a diminuire gli sbilanciamenti sulla rete, che ci costano molto, e abbiamo una bolletta nazionale più leggera”.

“E’ necessario rendere più agevole la partecipazione convinta dei soggetti che hanno la possibilità di aderire alle comunità energetiche – prosegue Testa – occorre, dunque, realizzare campagne di informazione per coinvolgere imprese, cittadini, e enti pubblici, e rendere così questi soggetti attori della transizione energetica. E’ una grande opportunità che va trasformata in una realtà consolidata e ben definita”.

“Abbiamo maturato competenze che ci consentono di rendere disponibili alle comunità interessate un insieme di piattaforme urbane di condivisione di dati e di servizi – ha detto Stefano Pizzuti, responsabile del la boratorio smart cities and communities dell’Enea – inoltre siamo in prima linea nel campo dell’internet of things, dei big data e della blockchain”.

Proprio nell’ottica di supportare e favorire lo sviluppo di nuove comunità energetiche rinnovabili, l’Enea ha sviluppato uno strumento innovativo: Recon, che consente di effettuare analisi preliminari di tipo energetico, economico e finanziario in ambito residenziale. In
questo modo, in base ad alcune informazioni come consumi elettrici, caratteristiche degli impianti e parametri legati all’investimento, Recon è in grado di stimare resa energetica, impatto ambientale, autoconsumo e condivisione dell’energia nelle comunità energetiche e di calcolare i flussi di cassa e i principali indicatori economici.

“Il nostro intento – ha fatto presente Piero De Sabbata, responsabile del laboratorio cross technologies per distretti urbani e industriali – è favorire un vero e proprio cambio di paradigma verso un sistema sociale ed energetico in cui l’iniziativa parte da cittadini, istituzioni e aziende; le parole d’ordine sono decentramento, collaborazione, partecipazione. Una possibilità che apre la strada a nuove opportunità di sviluppo per la transizione energetica del nostro Paese”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Enea, comunità energetiche: l’innovazione che fa bene