Enac presenta in Spagna iniziative per famiglie vittime incidenti aerei

(Teleborsa) – L’Italia è all’avanguardia nell’assistenza ai familiari delle vittime di incidenti aerei e illustra in Spagna le iniziative al riguardo messe a punto nel nostro Paese. La presentazione di Enac, Ente nazionale per l’aviazione civile, su questo delicato e particare aspetto degli inevitabili problemi del trasporto aereo, è avvenuta a Malaga nell’ambito del workshop internazionale di Ecac, European civil Aviation Conference, organizzato in collaborazione con l’autorità per l’aviazione civile iberica.

Giuseppe Daniele Carrabba, direttore centrale Regolazione Aerea di Enac, ha parlato della specifica circolare messa a punto da Enac, denominata GEN-05 e pubblicata l’8 ottobre 2014 a Milano nel tredicesimo anniversario della tragedia di Linate, dove un MD 87 della scandinava Sas in fase di decollo investì sulla pista un piccolo velivolo privato tedesco “sperduto” tra la nebbia, provocando la morte di 118 persone, tra cui 4 addetti ai bagagli al lavoro in un hangar investito dall’aereo Sas. Questo dell’8 ottobre 2001 è stato, assieme all’incidente del DC 8 Alitalia Roma-Palermo del 5 maggio 1972, il più grave disastro aereo mai accaduto in Italia.

“L’Italia – ha spiegato il dirigente Enac – è stato uno dei primi Paesi europei, insieme alla Spagna, ad aver elaborato un piano specifico che, prevede, tra le varie cose, che tutte le compagnie aeree che operano sul proprio territorio dispongano di un piano di assistenza alle vittime e ai loro familiari e forniscano, nell’immediatezza dell’evento, un’adeguata risposta alle persone coinvolte”.  Un opuscolo informativo elaborato da Enac ricco di dettagli sui diritti riconosciuti alle vittime a sull’assistenza dovuta e necessaria in quei drammatici momenti ai congiunti è allegato alla Circolare GEN-05.

Enac presenta in Spagna iniziative per famiglie vittime incidenti ...