“Effetto Ryanair” per raddoppio crescita turismo europeo

(Teleborsa) – Piano in 5 punti di Ryanair  per incrementare il turismo europeo del 10% attraverso i benefici che l’aviazione low cost porta all’area. A Malta, nel corso della “Tourism Conference” che si tiene nell’Isola, Kenny Jacobs, Chief Marketing Officer di Ryanair, ha rilevato come i voli low cost rappresentino elemento fondamentale per la crescita del turismo regionale e per la creazione di nuova occupazione. Crescita che potrebbe raggiungere il 10% nel 2018 (contro il 4% previsto) e creare 2 milioni di nuovi posti di lavoro. Ciò a condizione che i Paesi europei contribuiscano incoraggiando i propri cittadini a trascorrere le vacanze in Europa.

Questi i “punti” annunciati da Ryanair: diminuzione dei costi aeroportuali e rimozione delle tasse sui voli a corto raggio in Europa; combattere la carenza di strutture ricettive, che porta ad un rialzo dei prezzi, abbassando i costi e costruendo più hotel; migliorare il marketing sulle destinazioni europee per incoraggiare i cittadini dell’europa appunto a trascorrere le proprie vacanze nel “Vecchio Continente”; sviluppare nuove destinazioni regionali, ad esempio nel sud Italia e nel nord della Spagna; sviluppare il turismo durante tutto l’anno e verso le città, soprattutto nei periodi di bassa stagione.

“In qualità di compagnia aerea più grande d’Europa – ha dichiarato Kenny Jacobs – Ryanair esorta i Paesi europei a incoraggiare i propri cittadini a viaggiare in Europa. Promuovendo destinazioni regionali e sviluppando una stagione turistica annuale sempre più ampia, il turismo europeo può prosperare e sfruttare un’ottima opportunità di crescita, in un periodo in cui i turisti europei sono alla ricerca di destinazioni alternative a seguito della riduzione del traffico verso destinazioni come la Turchia e il nord Africa”.

“Circa 130 milioni di persone voleranno con Ryanair in Europa quest’anno – ha proseguito Jacobs – e abbiamo sperimentato in prima persona come l’aviazione low cost può portare a un incremento del turismo e alla creazione di posti di lavoro, specialmente per i giovani europei. Questo effetto Ryanair ha già prodotto profitti per molte aree in Europa. Essendo la richiesta di viaggi in crescita, l’aviazione può rafforzare ulteriormente il turismo elevando il profilo di destinazioni meno conosciute. Il turismo contribuisce per il 15% al PIL europeo ogni anno e supporta oltre il 12% dei posti di lavoro in Europa”.

“Effetto Ryanair” per raddoppio crescita turismo euro...