Effetto gas sui mercati europei. Wall Street chiusa per festività

(Teleborsa) – Giornata difficile per Piazza Affari, che scambia in pesante ribasso, assieme agli altri Eurolistini, orfani oggi del faro di Wall Street che rimarrà chiusa per la festività del Labor Day.

A pesare sulle borse europee strette nella morsa del gas è la decisione di Gazprom di tenere chiuso il gasdotto Nord Stream a tempo indeterminato. La notizia ha fattovolare i prezzi del gassulla piazza di Amsterdam e allo stesso tempo ha fatto cadere l’euro sotto quota 0,99 dollari, con il mercato che teme per la tenuta dell’economia europea. Corre il prezzo del petrolio in vista dell’atteso taglio alla produzione da parte dei Paesi dell’Opec+, per mantenere alti i prezzi dell’oro nero.

Sul mercato valutario, seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,29%. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,13%. Pioggia di acquisti sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un guadagno del 2,82%.

Balza in alto lo spread, posizionandosi a +239 punti base, con un incremento di 8 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,96%.

Tra i mercati del Vecchio Continente pesante Francoforte, che segna una discesa di ben -2,61 punti percentuali, sottotono Londra che mostra una limatura dello 0,66%; seduta negativa per Parigi, che scende dell’1,82%. Sessione da dimenticare per la Borsa italiana, con il FTSE MIB che sta lasciando sul terreno il 2,42%; sulla stessa linea, viene venduto parecchio il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 23.351 punti.
Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, performance modesta per Tenaris, che mostra un moderato rialzo dello 0,88%. Resistente ENI, che segna un piccolo aumento dello 0,70%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Interpump, che continua la seduta con -4,94%.

Sensibili perdite per Campari, in calo del 4,71%.

In apnea Pirelli, che arretra del 4,21%.

Tonfo di BPER, che mostra una caduta del 4,21%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Caltagirone SpA (+3,95%), Wiit (+1,17%), B.F (+1,13%) e Salcef Group (+0,70%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su ERG, che prosegue le contrattazioni a -6,03%.

Lettera su OVS, che registra un importante calo del 5,16%.

Vendite su Banca MPS, che registra un ribasso del 5,09% dopo l’ok della BCE all’aumento di capitale.

Tra le variabili macroeconomiche di maggior peso:

Lunedì 05/09/2022
02:45 Cina: PMI servizi Caixin (atteso 54 punti; preced. 55,5 punti)
10:00 Unione Europea: PMI servizi (atteso 50,2 punti; preced. 51,2 punti)
10:00 Unione Europea: PMI composito (atteso 49,2 punti; preced. 49,9 punti)
11:00 Unione Europea: Vendite dettaglio, mensile (atteso 0,4%; preced. -1%)
11:00 Unione Europea: Vendite dettaglio, annuale (atteso -0,7%; preced. -3,2%).