Quali sono gli effetti dello spread su mutui e mercato immobiliare

La politica incide sulle tasche degli Italiani: i nuovi mutui potrebbero salire dalla prossima settimana

La situazione politica attuale sta avendo effetti pesanti anche sull’economia del nostro Paese.

Dopo 84 giorni dall’espressione di voto c’è ancora instabilità e un Governo non è stato formato. Ma cosa comporta questo sullo spread? E soprattutto quali sono le conseguenze per il mercato immobiliare?

A pagare le spese dell’attuale situazione politica non saranno tanto i titoli di stato, che se sono a tasso fisso daranno le stesse garanzia a scadenza, ma settori più volubili all’impatto delle oscillazioni dello spread. Come il mercato immobiliare.

Lo spread indica la differenza di rendimento tra i nostri titoli di Stato e quelli tedeschi. Su questa cifra si calcola il rischio per un paese, se aumenta, quindi, cresce, di conseguenza, la preoccupazione.

L’instabilità politica italiana è grande. Nelle ultime ore Giuseppe Conte ha rinunciato all’incarico di primo ministro a seguito di una trattativa non andata a buon fine con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Questo è solo l’ultimo tassello di una situazione da tempo difficile, che ha avuto conseguenze sullo spread. E potrà avrà ripercussioni sui nuovi mutui.

Naturalmente lo spread non influisce direttamente, però potrebbe scoraggiare la banche a erogare prestiti e potrebbero rialzare gli interessi per i nuovi mutui.

Probabilmente avranno un costo maggiore sin da subito, come è stato riportato in un articolo sul Corriere della Sera. I veri effetti sul mercato si potranno valutare dalla prossima settimana. Nell’ultimo anno le banche hanno scelto di offrire tassi e condizioni favorevoli e la situazione potrebbe cambiare. Facendo delle valutazioni sui tassi di riferimento, che sono Eurirs per i fissi ed Euribor per i variabili, si denota al momento uno scarto tra i due. Si può supporre che questa differenza si annullerà, così come ci potrebbe essere una maggiorazione di 50 euro al mese su un nuovo mutuo a tasso fisso di 120mila euro. Per chi ha già un mutuo a tasso fisso non ci sono preoccupazioni, mentre sul variabile il discorso è differente. Si basa sul tasso interbancario Euribor, che al momento è negativo, ma il già paventato aumento del costo del denaro potrebbe portare a un crescita anche in quella tipologia di finanziamento.

A subire il contraccolpo della situazione politica italiana anche il mercato immobiliare. Infatti è possibile che, per la copertura finanziaria del debito pubblico, si decida di aumentare la tassazione delle case, in particolare quelle che si acquistano nell’ottica di un investimento, facendo diminuire i prezzi.

Anche l’ex primo ministro Matteo Renzi è entrato a gamba tesa sulla questione, con un post su Facebook in cui spiega che l’aumento dello spread comporterà una conseguente crescita dei costi dei mutui per le famiglie.

Quali sono gli effetti dello spread su mutui e mercato immobiliar...