Economia prosegue sul binario della crescita

(Teleborsa) – Prosegue la crescita economica internazionale, in un contesto di ripresa delle quotazioni del petrolio. In Italia il settore manifatturiero continua a registrare segnali positivi in termini sia di produzione sia di esportazioni. Il mercato del lavoro rimane caratterizzato dall’aumento dell’occupazione e dal ritmo, ancora debole, di riduzione della disoccupazione, condizionata dall’incremento degli inattivi che transitano tra i disoccupati. E’ quanto rivela l’Istat nella Nota Mensile sull’andamento dell’economia italiana relativa al mese di dicembre.  

In un contesto caratterizzato da livelli elevati della fiducia di consumatori e imprese, l’indicatore anticipatore continua ad aumentare suggerendo un consolidamento del ritmo di crescita dell’economia.

Il quadro internazionale

L’economia internazionale mantiene buoni ritmi di crescita. Nel terzo trimestre 2017 la stima dell’economia USA ha mostrato un aumento congiunturale del PIL con la crescita che è stata trainata dalle componenti della domanda che forniscono tutte un contributo positivo.

Per il 2017 nell’area euro si consolida la fase di crescita, seppur in presenza di una leggera decelerazione nel terzo trimestre (+0,6% nel terzo trimestre contro il +0,7%del secondo. Contribuiscono positivamente alla crescita i consumi finali delle famiglie, gli investimenti e le scorte. Le esportazioni nette mostrano un contributo lievemente positivo. Gli indicatori anticipatori e coincidenti del ciclo economico continuano a fornire segnali positivi. A dicembre il clima di fiducia dei consumatori continua a migliorare. Le prospettive di crescita sono sostenute anche dalle dichiarazioni della BCE che manterrà una politica monetaria moderatamente espansiva per tutto il 2018.

La congiuntura italiana

Imprese

Ad ottobre il settore manifatturiero è tornato a crescere dopo la pausa registrata a settembre. La crescita è diffusa tra i raggruppamenti di industrie ad eccezione della lieve diminuzione registrata nelle vendite di beni di consumo durevole (-0,2%). Segnali positivi provengono anche dagli ordinativi che hanno riportato variazioni positive sia ad ottobre (+1,7% rispetto al mese precedente) sia nel trimestre agosto-ottobre (+2,4% confrontato al trimestre precedente).

Prosegue il miglioramento degli scambi con l’estero con un incremento delle esportazioni. Il settore delle costruzioni continua a mantenersi su tassi di crescita contenuti. 

Famiglie e mercato del lavoro

La situazione sul mercato del lavoro si mantiene positiva. Nel terzo trimestre il tasso di occupazione è aumentato (+0,2 punti rispetto al trimestre precedente) e a ottobre il livello si è mantenuto in linea con quello del mese precedente (58,1%).

Il miglioramento del tasso di occupazione segue l’evoluzione di quello dell’area euro mantenendo ancora il differenziale che si era ampliato durante i primi mesi del 2013. Permangono al contrario le difficoltà a raggiungere un tasso di disoccupazione in linea con i livelli pre-crisi, nonostante la significativa riduzione a metà del 2015

Prezzi

In presenza di un sostanziale assestamento del cambio dell’euro rispetto al dollaro, a ottobre l’inflazione importata per i prodotti industriali si conferma moderata, con un tasso di crescita annuo dell’indice per il mercato totale pari al +2,1%. Le pressioni inflazionistiche rimangono contenute anche osservando i prezzi alla produzione.
 

Prospettive di breve termine

La fiducia dei consumatori e delle imprese si mantiene su livelli elevati. Per le imprese manifatturiere prosegue il miglioramento dei giudizi su ordini, produzione e attese sull’occupazione; anche il grado di utilizzo degli impianti continua ad aumentare mentre la quota di imprese che segnalano ostacoli alla produzione è ai livelli minimi dell’ultimo periodo.

L’indicatore anticipatore continua a migliorare anche se a ritmi più contenuti rispetto ai due mesi precedenti suggerendo il proseguimento dell’attuale ritmo di crescita dell’economia.

Economia prosegue sul binario della crescita