E.ON vede calare l’utile a causa delle svalutazioni

(Teleborsa) – Il gruppo energetico tedesco E.ON ha chiuso il primo semestre dell’anno con una perdita netta di 3 miliardi di euro, a causa delle svalutazioni dei suoi impianti elettrici (2,9 miliardi) ed agli accantonamenti (900 milioni) per la controllata nelle rinnovabili Uniper, che verrà scorporata e sbarcherà in borsa a settembre.

Giù anche l’EBITDA che è sceso del 12% a 2,9 miliardi di euro e l’EBIT rettificato che scende del 6% a 2 miliardi, ma l’EBIT rettificato del core business (reti energetiche soluzioni per i clienti, rinnovabili) è salito del 15% a 1,7 miliardi.

Confermate le previsioni per l’esercizio 2016, che prevedono un utile operativo rettificato tra 2,7 e 3,1 miliardi di euro ed un utile netto rettificato tra 0,6 e 1 miliardi di euro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

E.ON vede calare l’utile a causa delle svalutazioni