Draghi sull’Italia: lo spread sta danneggiando le banche

(Teleborsa) – Il governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, consiglia all’Italia di abbassare lo spread per proteggere le banche. “Se mi si chiede cosa si può fare riguardo alle banche, dato l’allargamento dello spreadnegli ultimi sei mesi, una prima risposta è ridurre lo spread e non mettere in dubbio la cornice istituzionale che sorregge l’euro”. Il rialzo dello spread comporta un rialzo dei tassi a famiglie e imprese – ha ricordato il numero uno dell’Eurotower nel giorno in cui il Board ha deciso di lasciare invariati i tassi – sottolineando anche che lo spread sta danneggiando il capitale delle banche italiane.

I mercati non devono avere timori“, ha immediatamente replicato il vicepremier Luigi Di Maio, affermando che “il governatore Draghi sa che il problema dello spread non è legato alla Manovra ma alla paura dei mercati che il paese possa uscire dall’Euro. Problema facilmente risolvibile, col fatto che noi nel contratto abbiamo inserito chiaramente che non vogliamo uscire dall’euro”.

Per quanto riguarda le banche è “tutto sotto controllo, siamo attenti e vigili – assicura il leader del M5S – . C’è un’attenzione su tutto il sistema bancario, quello che voglio trasmettere è che qui non si sta facendo un’azione di Governo da incoscienti, siamo ben consapevoli di quali sono i fattori da monitorare attentamente e lo stiamo facendo”.

Insorge ancora una volta il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, dichiarando che “non si può governare un Paese fregandosene dello spread”. Secondo Boccia l’atteggiamento del Governo “è un po’ paradossale” visto che “dice di essere pronto al dialogo ma poi non modifica niente. Non si capisce quale dialogo pretende di avere con l’Europa”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Draghi sull’Italia: lo spread sta danneggiando le banche