Dl Sostegni, CISAL interviene in Senato su licenziamenti, proroga contratti e indennità Covid

(Teleborsa) – Il sindacato CISAL ha ribadito in Senato delle posizioni importanti per quanto riguarda il decreto Sostegno, un decreto legge che arriva dopo 4-5 decreti Ristori, per la necessità di affrontare tutto quello che sta sconvolgendo il mondo del lavoro e la vita di tanti lavoratori del privato e del pubblico.

Per quanto concerne il pubblico impiego – spiega Marcello Pacifico, segretario confederale CISAL – abbiamo insistito sulla necessità di
prorogare per tutto il periodo dello stato d’emergenza quell‘indennità che è stata data nel mese di marzo per il lavoro svolto in
presenza. “Questo – afferma – sarebbe un piccolo segnale per dare un riconoscimento ed un ristoro a tutti i dipendenti pubblici che durante la pandemia hanno svolto un servizio in presenza, nella scuola come nella sanità, quando tutti gli altri lavoratori venivano posti in smart working”.

Secondo Pacifico ci sono poi delle nome importanti sul reitero del divieto di licenziamenti. “Questo è molto importante”, afferma il sindacalista ricordando che questa norma deve essere ancora una volta prorogata, sia nel privato che nel pubblico impiego, per favorire la ripresa dell’economia e non compromettere la posizione di questi lavoratori.

Parlando di licenziamenti nel pubblico impiego, Pacifico ricorda i tantissimi precari presenti nella scuola, specie in quella dell’infanzia, ma anche gli insegnanti tecnico-pratici, che a seguito di alcune sentenze erano stati inseriti nelle graduatorie ad esaurimento ed ora sono stati assunti nei ruoli dopo aver perfino superato l’anno di prova, e poi ce ne sono altri che sono stati inseriti nelle graduatorie di merito dei concorsi. “Tutti questi lavoratori – ricorda – hanno dato prova in tutti questi mesi di essere dalla parte dello Stato, dalla parte degli studenti, cercando di dare il massimo con la didattica a distanza, ma in questo momento rischiano anche loro il licenziamento”.

“Questi sono solo alcuni degli emendamenti che CISAL ha voluto portare avanti, partendo dalla scuola, che giustamente è al primo posto, insieme alla salute delle famiglie italiane. Tutti questi interventi – sottolinea il sindacalista – devono prevedere anche un’indennità che deve essere data a tutti coloro che sono in prima linea nella lotta contro il Covid, che rischiano giornalmente danni permanenti alla salute o addirittura la vita, a dispetto di tutti i protocolli sulla sicurezza, nel dare un servizio al cittadino”.

“E’ importante che la risposta sia data dalla politica e che sia data oggi”, conclude.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dl Sostegni, CISAL interviene in Senato su licenziamenti, proroga cont...