Dl Fisco, non ci sarà alcun condono. Resta la pace fiscale

(Teleborsa) – Nel Decreto fiscale non ci sarà il condono, scompare dunque la dichiarazione integrativa. Sarà possibile regolarizzare solo il dichiarato. Questo l’accordo trovato ieri sera, 15 novembre 2018, tra Lega e M5S nel vertice di Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Restano invece tutte le misure della pace fiscale come la possibilità di spalmare in 5 anni il dovuto, la possibilità di uscire da ogni grado di giudizio del processo tributario pagando una piccola percentuale commisurata alla vittoria nei vari gradi di giudizio. Rinviato il carcere per gli evasori.
Presente nel decreto anche il bonus bebè, la detassazione delle sigarette elettroniche e la tassazione dei money transfer fino all’1,5%.

Intanto la tassa sulle bibite zuccherate divide la maggioranza. In commissione anche la proposta del M5S per il tempo pieno in tutte le scuole elementari.

“Sono molto felice dei risultati” raggiunti, ha dichiarato il vicepremier Luigi Di Maio.

Dl Fisco, non ci sarà alcun condono. Resta la pace fiscale