Dispacciamento elettrico, è scontro tra il Ministro Calenda e l’Authority

(Teleborsa) – Botta e risposta tra il Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda e l’Autorità per l’Energia.

La querelle è nata in seguito alle dichiarazioni del Ministro che, ieri, in Parlamento ha spiegato di aver scritto alle Autorità per l’Energia e della concorrenza una settimana fa per chiedere loro di fare il punto sulle istruttorie che riguardano l’aumento dei costi di dispacciamento elettrico nel 2016.

Il Ministro aveva chiesto alle due Autorità di chiudere l’iter entro maggio. Non si è fatta attendere la risposta dell’Autorità per l’Energia che ha sottolineato si essere un’ autorità indipendente e di non agire  su mandato del MISE.

Pronta la replica del Ministro che getta acqua sul fuoco dicendo che non aveva alcuna intenzione di ledere l’indipendenza dell’Authority ma conferma “il sommesso auspicio, si suppone condiviso dai consumatori, che si giunga al più presto alla conclusione dei procedimenti iniziati a giugno dello scorso anno e si faccia luce su eventuali comportamenti scorretti, che potrebbero aver causato svariate centinaia di milioni di euro di aumenti nelle bollette degli italiani”

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dispacciamento elettrico, è scontro tra il Ministro Calenda e l&#8217...