Disoccupazione resta ai minimi da 3 anni. Giù anche quella giovanile

(Teleborsa) – Torna a crescere l’occupazione in Italia, dopo la battuta d’arresto autunnale, mentre la disoccupazione si conferma ai minimi da 3 anni a questa parte. Lo rivelano le ultime statistiche dell’Istat.

Secondo il rapporto sul mercato del lavoro, il tasso di disoccupazione è diminuito ancora a novembre all’11,3%, mostrando un calo di 0,2 punti percentuali e confermando il trend ribassista avviato dal mese di luglio.

Scende proporzionalmente il tasso di disoccupazione giovanile, che resta comunque molto elevato al 38,1% (1,2 punti percentuali), mentre il tasso di inattività, pari al 36,3%, rimane invariato.

I disoccupati diminuiscono dell’1,6% (-48 mila): il calo riguarda uomini e donne e le persone con meno di 50 anni.

Quanto all’occupazione, si registra a novembre una crescita di 36 mila occupati (+0,2%), dopo la crescita registrata tra giugno e agosto (+0,5%) e il calo di settembre (-0,2%) ed ottobre (-0,2%). Tale crescita è determinata dalla componente femminile e dall’aumento dei dipendenti permanenti e degli indipendenti, mentre calano i dipendenti a termine. Il tasso di occupazione aumenta di 0,1 punti percentuali, arrivando al 56,4%.

Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo settembre-novembre, diminuiscono i disoccupati (-4,4%, pari a -134 mila), sono in lieve calo anche le persone occupate (-0,1%, pari a -12 mila), mentre crescono gli inattivi (+0,6%, pari a +88 mila).

Su base annua la disoccupazione registra un forte calo (-14,3%, pari a -479 mila persone in cerca di lavoro), cresce l’occupazione (+0,9%, pari a +206 mila persone occupate), cresce anche l’inattività (+1,0%, pari a +138 mila persone inattive).

Disoccupazione resta ai minimi da 3 anni. Giù anche quella giovanile
Disoccupazione resta ai minimi da 3 anni. Giù anche quella giova...