Diritti TV Serie, tutto da rifare. Tribunale annulla bando Mediapro

(Teleborsa) – Tutto da rifare sui diritti tv di Serie A assegnati al gruppo spagnolo Mediapro.

Il Tribunale di Milano ha confermato la sospensione del bando, accogliendo le istanze di Sky. Il giudice giudice del Tribunale civile meneghino sezione per le Imprese ha stabilito che il bando va annullato perché non era correttamente formulato e in particolare ha riscontrato violazioni dei principi Antitrust. Nel provvedimento Mediapro viene invitata a proseguire nella gara con il bando già formulato senza le violazioni riscontrate.

Tra le principali inadempienze messe in evidenza dal magistrato, la formulazione dei pacchetti di partite “chiavi in mano” (già comprensivi di evento e contenuti pre e post partita) limiterebbero la libertà di scelta dei singoli offerenti nel formulare le proposte per i diversi contenuti e servizi (fra cui la pubblicità). Inoltre il bando era stato fatto senza cifre minime: cosa mai accaduta in passato e contro le linee guida dell’Antitrust.

“La decisione del Tribunale di Milano ha confermato che era necessaria una verifica dell’aderenza del bando di Mediapro alle leggi italiane, facendo chiarezza a beneficio di tutti i partecipanti e creando i presupposti per la definizione della procedura di assegnazione dei diritti 2018-21 della serie A”, questo il commento ufficiale di Sky, che aveva presentato il ricorso.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Diritti TV Serie, tutto da rifare. Tribunale annulla bando Mediapro