Dirigenti scolastici, ultimi giorni per costituirsi in Consiglio di Stato

(Teleborsa) – Sbloccare la retribuzione professionale con il FUN (Fondo Unico Nazionale, ndr) e “salvare” l’ultimo concorso. Autunno caldo e sempre in prima linea per UDIR che prosegue con determinazione la sua azione volta al riconoscimento e al rispetto dei diritti dei dirigenti scolastici.

La data da segnare in rosso sul calendario è il 31 agosto: ultimi giorni, dunque, per poter aderire ai ricorsi con UDIR, per i neo-ammessi in ruolo e anche per chi è stato ammesso in ruolo l’anno scorso per costituirsi nell’appello che sarà discusso ad ottobre contro l’annullamento dell‘ultimo concorso da dirigente scolastico.

“Un passaggio molto importante“, sottolinea il leader Udir Marcello Pacifico che segnala anche un altro appuntamento.

Sempre in autunno, infatti, si discuterà il ricorso presentato dai legali UDIR sul FUN. “Se accolto – sottolinea Marcello Pacifico – vorrebbe dire che a ogni dirigente scolastico spetterebbero oltre 5mila euro per ogni anno a partire dal 2016 per la mancata attribuzione di queste emolumenti nel fondo tagliato dal Ministero del Tesoro.

“Va da sè – aggiunge il leader Udir – l’importanza della questione visto che va a valorizzare la retribuzione del personale dirigente delle scuole”.

Lo scopo del ricorso – ha più volte spiegato Pacifico – è far confluire nel Fondo Unico Nazionale, da cui si paga la retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti scolastici, gli assegni relativi alla retribuzione individuale di anzianità dei dd.ss. cessati dal servizio dal 31 agosto 2012 oppure in subordine ottenere il versamento della Ria dei dirigenti scolastici cessati dal servizio dal 31 agosto 2015, alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n. 178/2015 che ha dichiarato lo sblocco dei contratti.

Il fondo, ha ricordato Pacifico, “nasceva dalla volontà di premiare i presidi che erano passati al nuovo ruolo di dirigenti dello Stato” ma “dieci anni dopo la sua istituzione nel 2001, complice la crisi economica, ha subìto tagli così pesanti che addirittura alcuni dirigenti scolastici hanno dovuto restituire i soldi ricevuti dagli uffici scolastici regionali”.

“Udir – conclude Pacifico – ha presentato il ricorso che sarà discusso nel mese di ottobre e quindi entro il 31 agosto è possibile aderire al ricorso ad adiuvandum”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dirigenti scolastici, ultimi giorni per costituirsi in Consiglio di St...