Dieselgate: negli Stati Uniti avviata class action contro GM

(Teleborsa) – Non finisce di mietere vittime il Dieselgate, lo scandalo per violazione delle leggi sulle emissioni dei motori diesel.

Dopoca cui il Dipartimento di Giustizia USA ha deciso di fare causa, anche General Motors  è incappata nello scandalo.

Negli Stati Uniti sarebbe stata depositata una denuncia contro il colosso statunitense accusato di aver utilizzando software per falsare il livello delle emissioni inquinanti di alcuni veicoli diesel.

Lo riportano da alcuni rumors di stampa che rivelano che la denuncia sarebbe stata depositata al tribunale di Detroit, dove ha sede GM.
Una class action a tutti gli effetti da parte di un gruppo di persone che hanno acquistato o preso in leasing oltre 705.000 pickup Chevrolet Silverado e GMC Sierra con motori Duramax dal 2011 al 2016.

General Motor da parte sui respinge ogni accusa bollandola come “infondata”,  aggiungendo:”ci difenderemo vigorosamente” . La nota di GM fa sapere che i modelli “incriminati” sono equipaggiati “con i diesel Duramax rispondono alle normative americane”.
 

 
 

Dieselgate: negli Stati Uniti avviata class action contro GM