DiaSorin crolla dopo conti 2020. Dividendo di 1 euro

(Teleborsa) – DiaSorin, società di diagnostica quotata nell’indice FTSE MIB, ha chiuso il 2020 con un fatturato di 881,3 milioni di euro, in crescita del 24,8% (+27% a cambi costanti) rispetto al 2019, anche grazie alle vendite dei test per il SARS-CoV-2, pari a 266,1 milioni di euro. L’EBITDA è stato di 385,3 milioni, +39,2% sul 2019 e pari al 43,7 del fatturato, e l’utile netto di 248,3 milioni, in aumento del 41,3% sull’anno prima.

Il titolo è in caduta libera dopo l’annuncio dei conti, registrando una flessione dell’8,72%, che rispetto alla vigilia si attesta a 141,3.

La posizione finanziaria netta è positiva per 305,3 milioni al 31 dicembre 2020, in incremento di 132,5 milioni rispetto a quanto registrato al 31 dicembre 2019 (+172,9 milioni). Il free cash flow è pari a 232,2 milioni, in crescita di 52,1 milioni rispetto al 31 dicembre 2019 (+180,1 milioni).

Per quanto riguarda il primo semestre 2021, il management prevede, a tassi di cambio e perimetro costanti rispetto al primo semestre 2020, ricavi in crescita di circa il 40% e un EBITDA Margin pari a circa il 45%. Il CdA ha approvato la proposta di distribuzione di un dividendo ordinario pari a 1 euro per azione (per complessivi 54.764.445 euro).

(Foto: © Anawat Sudchanham/123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

DiaSorin crolla dopo conti 2020. Dividendo di 1 euro