De’Longhi sotto pressione nonostante i risultati del 2015

(Teleborsa) – Profondo rosso per la big degli elettrodomestici, che esibisce una variazione percentuale negativa del 5,24% a dispetto dei conti di bilancio al 2015, annunciati ieri da De’ Longhi, che hanno evidenziato ricavi a quota 1,89 miliardi di euro, in crescita del 9,5%. 

La tendenza ad una settimana di De’Longhi è più fiacca rispetto all’andamento del FTSE Italia Mid Cap. Tale cedimento potrebbe innescare opportunità di vendita del titolo da parte del mercato.

Il quadro di medio periodo del produttore di elettrodomestici ribadisce l’andamento negativo della curva. Nel breve periodo, invece, si intravede la possibilità di un timido spunto rialzista che incontra la prima area di resistenza a 22,87 Euro. Primo supporto individuato a 22,12. La presenza di eventuali spunti positivi propendono per un movimento verso l’alto con target 23,62.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

De’Longhi sotto pressione nonostante i risultati del 2015