DEF e nuovo scostamento da 40 miliardi: via libera in CdM

(Teleborsa) – Via libera del Consiglio dei Ministri al Documento di Economia e Finanze e alla relazione sullo scostamento di bilancio con la quale si richiede l’autorizzazione al Parlamento al ricordo a un maggior indebitamento per 40 miliardi di euro, risorse che saranno utilizzate per un nuovo provvedimento di sostegno alle imprese e dunque all’economia. I sostegni a partite IVA e imprese
“rappresentano più di metà degli impegni previsti sul 2021” da 40 miliardi, si legge. Nel nuovo decreto ci sarà “copertura dei costi fissi, sia con sgravi di imposta che con la copertura della quota fissa delle bollette e di parte dei canoni di locazione tramite credito d’imposta. Per le PMI sarà prorogata “dal 30 giugno a fine anno” la scadenza del regime di garanzia, e sarà estesa anche la moratoria sui crediti. “Saranno inoltre reintrodotti rinvii ed esenzioni di imposta già attuati nel 2020” e “innalzato il limite delle compensazioni”.


“L’auspicio del Governo – prosegue il testo – è che, grazie ad andamenti epidemici ed economici sempre più positivi nei prossimi mesi, questo sia l’ultimo intervento di tale portata. Resta comunque l’impegno a sostenere l’economia per tutto il periodo che sarà necessario se ne ricorreranno le condizioni”. Dopo lo scostamento da 40 miliardi richiesto per il 2021 per finanziare le nuove misure di sostegno ci sarà un impatto sul deficit di altri 4-6,5 miliardi dal 2022 per finanziare gli investimenti extra PNRR.

“Nelle prossime settimane prenderà avvio un grande programma di investimenti che, se ben disegnati e attuati, costituiranno un decisivo fattore di crescita dell’economia italiana, concorrendo ad assicurare la sostenibilità della finanza pubblica“. Così, nella premessa del testo del DEF, il ministro dell’Economia, Daniele Franco. “Oltre alle risorse del Ngeu, il Pnrr potrà contare su una disponibilità di Fondi nazionali che lungo il periodo 2021-2026 porterà il perimetro complessivo del piano a 222 miliardi, di cui circa 169 miliardi saranno aggiuntivi rispetto alla programmazione esistente”. scrive ancora Franco.
“A tali risorse – prosegue – si aggiungeranno circa 15 miliardi netti provenienti dalle altre componenti del Ngeu, quale il React-Eu. Si tratta di un piano di rilancio, di uno shock positivo di investimenti pubblici e incentivi agli investimenti privati, alla Ricerca e Sviluppo, alla digitalizzazione all’innovazione, senza precedenti nella storia recente”.

Previsto che il rapporto deficit/PIL si attesterà all’11,8% nel 2021 come risultato delle misure di sostegno all’economia e alla caduta del PIL. Scenderà poi al 5,9% nel 2022, al 4,3% nel 2023 e al 3,4% nel 2024. A partire dal 2025, il rapporto deficit/PIL tornerà a scendere sotto il 3%.

Nel 2021 la crescita del PIL programmatico arriverà al 4,5%. Nel 2022 il PIL crescerà del 4,8%, per poi aumentare del 2,6% nel 2023 e dell’1,8% nel 2024 – tassi di incremento mai sperimentati nell’ultimo decennio”.

Il tasso di disoccupazione salirà al 9,6% nel 2021 dal 9,3% dell’anno scorso. La disoccupazione è prevista poi scendere al 9,2% nel 2022, all’8,5% nel 2023 e all’8,0% nel 2024.

Nella premessa alla bozza del DEF esaminata dal CdM, firmata dal ministro dell’economia, Daniele Franco si precisa che il fisco “sarà oggetto di un’articolata revisione” e la riforma “da definire nella seconda metà del 2021, affronterà il complesso del prelievo, a partire dall’imposizione personale”.
La riforma, prosegue il Def, “sarà collegata anche agli sviluppi a livello europeo e globale su temi quali le imposte ambientali e la passazione delle multinazionali. Saranno inoltre riformati i meccanismi di riscossione”.

Sulla campagna di vaccinazione in corso dall’inizio dell’anno, il Governo “prevede di poter somministrare i vaccini all’80% della popolazione italiana entro l’autunno”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

DEF e nuovo scostamento da 40 miliardi: via libera in CdM