Decreto Sicurezza, scontro Sindaci-Salvini. Conte media: “Pronto a incontrare Anci insieme al Ministro”

(Teleborsa) – Torna caldo il tema migranti dopo il serrato botta e risposta tra il Ministro dell’Interno Matteo Salvini e alcuni sindaci, in testa Leoluca Orlando, primo cittadino di Palermo, sull’applicazione delle norme sui migranti del dl sicurezza. “Con il Pd caos e clandestini, con la Lega ordine e rispetto. Certi sindaci rimpiangono i bei tempi andati sull’immigrazione, ma anche per loro è finita la pacchia!”. Lo ha scritto su Twitter il Ministro dell’Interno dopo il fronte di guerra che si è aperto sul tema con alcuni sindaci.

APERTURA E RICHIAMO DEL PREMIER CONTE – Sulla questione interviene in serata anche Palazzo Chigi: “Se l’Anci desidera segnalare eventuali difficoltà applicative – si legge in una nota – ben venga la richiesta di un incontro con il Governo, al quale anche il presidente del Consiglio è disposto a partecipare insieme al Ministro dell’Interno. Inaccettabili, invece, sono le posizioni degli amministratori locali che hanno pubblicamente dichiarato che non intendono applicare una legge dello Stato. Il nostro ordinamento giuridico non attribuisce ai sindaci il potere di operare un sindacato di costituzionalità delle leggi: disapplicare una legge che non piace equivale a violarla, con tutte le conseguenti responsabilità”.

Tutto rientrato? Ovviamente no visto che pochi minuti dopo arriva l’ennesima dichiarazione di fuoco di Matteo Salvini: “Amici dei clandestini, traditori degli italiani!”, affonda ancora il Ministro dell’Interno su Facebook, chiamando in causa i Sindaci che si oppongono.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Decreto Sicurezza, scontro Sindaci-Salvini. Conte media: “Pronto...