Decreto Genova, Governo stanzia altri 20 milioni di euro

(Teleborsa) – Il Decreto Genova reintroduce, in deroga agli art. 4 e 22 del Jobs Act, la Cassa Integrazione Straordinaria per cessazione di attività. La misura potrà essere autorizzata “sino ad un massimo di 12 mesi complessivi” per gli anni “2019 e 2020”. E’ quanto previsto nel provvedimento che contiene le misure per affrontare l’emergenza di Genova dopo il crollo del Ponte Morandi, ora al vaglio del Quirinale. La “sostenibilità” dell’onere finanziario per la copertura sarà “verificata in sede di accordo governativo. Qualora dal monitoraggio emerga che è stato raggiunto o sarà raggiunto il limite di spesa, non possono essere stipulati altri accordi”.

Il Governo stanzia altri 20 milioni di risorse che verranno trasferite alla contabilità speciale intestata al Commissario delegato. Lo rivela l’ANSA che ha preso visione della bozza finale. “La contabilità speciale intestata al Commissario delegato per l’emergenza”, che in base all’ordinanza del 20 agosto disponeva di 33,5 milioni, “è integrata di 9 milioni di euro per l’anno 2018 e 11 milioni di euro per l’anno 2019”, spiega. Le risorse sono coperte con l’uso del Fondo per le emergenze nazionali.

Nel caso in cui Autostrade non pagasse o ritardasse le spese di ricostruzione del ponte sarà lo Stato ad anticiparle, attingendo al Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale.”Per assicurare il celere avvio delle attività del Commissario, in caso di mancato o ritardato versamento da parte del Concessionario, a garanzia dell’immediata attivazione del meccanismo di anticipazione, è autorizzata la spesa di 30 milioni annui dal 2018 al 2019“.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Decreto Genova, Governo stanzia altri 20 milioni di euro