Deboli i mercati europei. In rosso Piazza Affari

(Teleborsa) – Sono caute le principali Borse del Vecchio Continente, che continuano gli scambi sulla parità, mentre Piazza Affari si muove in frazionale ribasso. L’attenzione degli investitori resta concentrata sulle elezioni politiche in USA, mentre si continua a sperare su nuovi stimoli all’economia americana. Sullo sfondo restano le preoccupazioni per l’aumento dei casi di contagi da coronavirus.

Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,27%. Segno più per l’oro, che mostra un aumento dell’1,10%. Poco mosso il mercato petrolifero, con il greggio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 41,16 dollari per barile.

Lieve calo dello spread, che scende a +127 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta allo 0,73%.

Tra i mercati europei nulla di fatto per Francoforte, che passa di mano sulla parità, composta Londra, che cresce di un modesto +0,57%, e performance modesta per Parigi, che mostra un moderato rialzo dello 0,31%. Il listino milanese continua la seduta poco sotto la parità, con il FTSE MIB che lima lo 0,25%; sulla stessa linea, si muove al ribasso il FTSE Italia All-Share, che perde lo 0,24%, scambiando a 21.379 punti.

Tecnologia (+1,08%), vendite al dettaglio (+0,88%) e immobiliare (+0,68%) in buona luce sul listino milanese.

Nel listino, i settori utility (-0,98%), automotive (-0,96%) e telecomunicazioni (-0,77%) sono tra i più venduti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, decolla CNH Industrial, con un importante progresso del 2,67%.

In evidenza Azimut, che mostra un forte incremento del 2,17%, grazie ai buoni dati sulla raccolta di settembre, annunciati la vigilia.

Andamento positivo per STMicroelectronics, che avanza di un discreto +1,23%.

Ben comprata Banca Generali, che segna un forte rialzo dell’1,12%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Pirelli, che ottiene -2,53%.

Vendite su Prysmian, che registra un ribasso dell’1,15%.

Seduta negativa per Snam, che mostra una perdita dell’1,15%.

Sotto pressione Ferrari, che accusa un calo dell’1,10%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, De’ Longhi (+2,02%), Anima Holding (+1,68%), Biesse (+1,18%) e Tinexta (+0,98%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Banca MPS, che continua la seduta con -2,97%.

Affonda Falck Renewables, con un ribasso del 2,03%.

Scivola Saras, con un netto svantaggio dell’1,71%.

In rosso Brunello Cucinelli, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,06%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Deboli i mercati europei. In rosso Piazza Affari