Debole il mercato americano. Attesa per trimestrali dei colossi tech

(Teleborsa) – Il listino USA scambia poco sotto la parità, con il Dow Jones che lima lo 0,48%, troncando così la scia rialzista sostenuta da cinque guadagni consecutivi, iniziata martedì scorso; sulla stessa linea, in lieve calo l’S&P-500, che continua la giornata sotto la parità a 4.401 punti. In lieve ribasso il Nasdaq 100 (-0,32%); come pure, in frazionale calo l’S&P 100 (-0,42%).

Gli investitori attendono le trimestrali di Apple, Microsoft e Google, che saranno diffuse stasera dopo il termine della contrattazioni. Tra le più grandi società che hanno diffuso i dati prima dell’apertura, si segnalano UPS, con gli acquisti online che continuano a spingere ricavi e utili, General Electric, che ha alzato le stime per il free cash flow dell’intero 2021, e 3M, che ha rivisto al rialzo entrate e utili 2021 dopo i risultati positivi nel secondo trimestre.

Nell’S&P 500, non si salva alcun comparto. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti materiali (-1,40%), energia (-1,19%) e beni industriali (-0,70%).

In questa pessima giornata per la Borsa di New York, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva.

I più forti ribassi si verificano su Intel, che continua la seduta con -2,89%.

Calo deciso per 3M, che segna un -1,91%.

Giornata moderatamente positiva per Caterpillar, che sale di un frazionale +0,72%.

Sotto pressione DOW, con un forte ribasso dell’1,27%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Sirius XM Radio (+4,48%), Fiserv (+3,93%), Alexion Pharmaceuticals (+1,70%) e Vertex Pharmaceuticals (+1,43%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Intel, che prosegue le contrattazioni a -2,89%.

Affonda Micron Technology, con un ribasso del 2,77%.

Crolla Expeditors Intern Of Washington, con una flessione del 2,13%.

Vendite a piene mani su Wynn Resorts, che soffre un decremento del 2,08%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Debole il mercato americano. Attesa per trimestrali dei colossi tech