De Luca: alla Campania serve il secondo aeroporto

(Teleborsa) – Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, sceglie la conferenza stampa di presentazione della mobilità ferroviaria per il turismo nella regione per rilanciare la necessità del secondo aeroporto in Campania. Chiaro l’intento di sollecitare il decollo definitivo dell’Aeroporto Salerno Costa d’Amalfi, le cui aspirazioni a entrare stabilmente nel network degli scali nazionali con traffico aereo civile di linea risalgono al lontano 1980, quando prendeva forma l’ente consortile ed era ancora in uso la pista erbosa. De Luca ha osservato come la Campania sia l’unica grande regione italiana a essere servita da un solo aeroporto.
“Lo scalo di Capodichino – ha detto il governatore campano – non ha possibilità di espandersi ed è indispensabile procedere ai lavori per l’allungamento della pista dell’aeroporto salernitano a 2.400 metri”. In realtà, occorre ricordare che l’aeroporto di Napoli è arrivato a quota 10 milioni di passeggeri annui e i numeri sono tendenzialmente in crescita. Tuttavia, proprio da questa espansione nasce l’opportunità di consentire uno sbocco operativo a sud. D’altronde, lo scorso 20 marzo, in occasione della presentazione del nuovo velivolo A320neo di easyJet, l’amministratore delegato di Gesac, Roberto Barbieri, aveva affermato l’importanza di decentrare parte delle attività sull’aeroporto Costa d’Amalfi, che sarà gestito dalla stessa Gesac.

De Luca: alla Campania serve il secondo aeroporto