De Guindos (BCE): greenwashing e lacune nei dati ostacolano crescita finanza sostenibile

(Teleborsa) – Per l’ulteriore crescita della finanza sostenibile è importante evitare l’autocompiacimento. In particolare, lo sviluppo del settore “potrebbe essere inibito se le preoccupazioni relative al greenwashing (ecologismo di facciata, ndr) non fossero adeguatamente affrontate” e se non si fanno passi avanti nelle “notevoli lacune nei dati sulle emissioni dirette e indirette e negli obiettivi per la riduzione delle emissioni”. È quanto detto da Luis de Guindos, vicepresidente della Banca Centrale Europea, alla conferenza “European Financial Integration and Stability”. “Queste lacune dovrebbero essere colmate con urgenza, il che richiede standard di divulgazione obbligatori, armonizzati e verificati”, ha aggiunto.

L’economista ha fatto notare che la finanza verde rimane un segmento relativamente piccolo del mercato e affinché l’Europa possa liberare il suo pieno potenziale di finanziamento della transizione green, “dovrà raddoppiare gli sforzi per mobilitare i finanziamenti sul mercato dei capitali”. “In particolare, il finanziamento azionario si è dimostrato importante per incentivare l’innovazione verde e sostenere la riallocazione delle risorse ad attività più verdi – ha sostenuto de Guindos – Tuttavia, è probabile che l’ulteriore crescita della finanza verde sia frenata dalle stesse carenze che ostacolano l’integrazione nei mercati finanziari dell’UE più in generale. Quindi il progresso verso un’autentica unione dei mercati dei capitali è vitale”.
Secondo il vicepresidente della BCE, complessivamente le esposizioni delle banche dell’area euro ai settori a più alta intensità di carbonio, come l’estrazione mineraria, sono relativamente contenute, anche se la concentrazione di industrie e attività ad alta intensità di carbonio può variare da Paese a Paese. “Come abbiamo visto nella pandemia, uno shock comune può avere impatti asimmetrici sui paesi che hanno un’alta concentrazione di determinati settori, come il turismo – ha sostenuto – Forse ancora più importante da una prospettiva di integrazione finanziaria è l’interconnessione attraverso le catene di approvvigionamento. Prendiamo il settore manifatturiero, che rappresenta circa il 20% dei portafogli di prestiti delle banche. Mentre le emissioni dirette segnalate di queste società sono relativamente basse, le esposizioni indirette lungo la catena di approvvigionamento sono più consistenti”.

Riferendosi invece ai rischi fisici dei cambiamenti climatici, de Guindos ha detto che “le alluvioni sono il pericolo più significativo nell’Europa centrale e settentrionale, mentre le ondate di caldo, la siccità e gli incendi rappresentano i rischi maggiori nell’Europa meridionale. Nel complesso, circa il 30% delle esposizioni creditizie delle banche dell’area euro è verso imprese con un’esposizione elevata o crescente ad almeno una fonte di rischio fisico“. “In definitiva – ha aggiunto – l’impatto del cambiamento climatico sulla stabilità finanziaria dipende dal grado di concentrazione delle esposizioni e dalle misure di mitigazione in atto. Entrambi i fronti danno motivo di preoccupazione. Oltre il 70% delle esposizioni al rischio fisico identificate nell’area euro sono detenute da sole 25 banche“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

De Guindos (BCE): greenwashing e lacune nei dati ostacolano crescita f...