DBRS conferma il rating sull’Italia a A (low) con trend stabile

DBRS non muta il proprio parere sull’Italia.

L’agenzia di rating canadese ha confermato sul Paese il rating A (low, basso) con trend “stabile” spiegando di aver lasciato invariato il giudizio per riflettere “la solida posizione di bilancio che si confronta bene con la media dell’Area Euro”, i progressi del Governo nell’attuare riforme istituzionali e strutturali e il taglio delle tasse.

Quest’ultimo, spiega, dovrebbe avere un impatto positivo sulla fiducia di consumatori e imprese anche se l’Esecutivo dovrà essere in grado di reperire le risorse attraverso un dettagliato piano di tagli.

Per DBRS, l’Italia beneficia inoltre di una flessibilità sul debito, di un’economia diversificata e in salute, di moderati livelli di debito del settore privato e di un sistema pensionistico sostenibile.

Tra i fattori negativi vengono invece citate le “sfide significative” quali l’esposizione della nazione a shock esterni, oltre che un basso potenziale di crescita e un elevato debito pubblico.

DBRS conferma il rating sull’Italia a A (low) con trend sta...