Dazi, Trump alza la voce nei confronti della Cina

(Teleborsa) – E’ un fiume in piena Donald Trump che non si placa nella sua battaglia commerciale contro Pechino.

Ribadendo nuovamente di essere in “ottimi rapporti” con il presidente cinese, il tycoon ha minacciato una nuova gigantesca ondata di dazi commerciali contro il Dragone: “prenderanno di mira beni importati fino a 450 miliardi di dollari”.

Il Presidente degli Stati Uniti ha deciso nella notte di imporre nuovi dazi per ulteriori 200 miliardi su beni provenienti dalla Cina, se questa non desisterà dai suoi propositi di rappresaglia sui precedenti dazi statunitensi. Una cifra più che quadruplicata rispetto ai 50 miliardi di dollariche il tycoon aveva già deciso di imporre ai beni provenienti dal Dragone. La decisione aveva fatto scattare le ire di Pechino pronta a imporre dazi su alcuni prodotti cinesi. Ma non pago Trump rilancia. Washington ha aggiunto che se la Cina dovesse adottare nuovamente rappresaglie è pronta a imporre ulteriori dazi su altri 200 miliardi di dollari di beni, per un totale che salirebbe appunto a quota 450 miliardi di dollari.

“Sono in ottimi rapporti con il presidente Xi Jinping e continueremo a collaborare su diverse questioni – ha affermato Trump. Ma le relazioni commerciali tra Cina e USA devono diventare molto più equilibrate. Gli Stati Uniti non lasceranno più che altri Paesi come la Cina si approfittino di loro sul commercio”.  Pechino da parte sua non rimane a guardare le manovre “ricattatorie” degli USA che “si discostano dalla linea concordata in vari incontri bilaterali e deludono profondamente la comunità internazionale”, recita un comunicato del ministero del Commercio cinese. “Se gli USA agiranno in maniera irrazionale e pubblicheranno una lista di beni da colore la Cina non avrà altra scelta se non quella di rispondere con altrettanta durezza”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dazi, Trump alza la voce nei confronti della Cina