Dazi, si prospetta la fine della guerra fra USA e UE

(Teleborsa) – La guerra fredda fra Stati Uniti ed UE a colpi di dazi si avvia verso una positiva conclusione. Un accordo potrebbe già essere raggiunto il prossimo 15 giugno, quando il Presidente americano, il democratico Joe Biden, promotore di relazioni più distese del suo predecessore, approderà in Europa per l’atteso vertice USA-UE in programma a Bruxelles.

Un vertice che, secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, potrebbe decretare la fine dei dazi sull’alluminio e sull’acciaio entro la fine dell’anno ed avviare una de-escalation della guerra commerciale. Un risultato che è stato anche favorito dalla decisione della UE, a maggio, di rinunciare ad alcuni aumenti automatici dei dazi su merci in arrivo dagli USA.

Ma la diplomazia è al lavoro da tempo: nel dicembre scorso funzionari europei si erano già messi in contatto con il presidente eletto Biden per concordare una exit strategy dalla guerra commerciale.

L’inizio della disputa fra Stati Uniti ed Unione Europa risale al 2018, quando l’allora Presidente Donald Trump impose un dazio del 10% sull’alluminio e del 25% sull’acciaio importato dalla UE, facendo appello alla sicurezza nazionale. In realtà, la vicenda aveva a che fare con un’altra questione calda: la concorrenza fra Boeing ed Airbus e la decisione della UE di sussidiare la big europea dell’aeronautica. Il Vecchio Continente non stette a guardare e, dopo la mossa di Trump, impose dazi su diverse categorie di beni importati dagli USA, compresi burro di arachidi, bourbon, denim, succo d’arancia e motocicli, alimentando un crescendo di tensioni sul fronte commerciale in parallelo a quello USA-Cina.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dazi, si prospetta la fine della guerra fra USA e UE