Dazi, Pechino accusa Washington di “terrorismo economico”

(Teleborsa) – Prosegue la guerra dei dazi tra Washington e Pechino che si gioca su più fronti, anche quello dialettico, con la Cina che accusa gli Stati Uniti di “puro terrorismo economico”.

Nel briefing sulla visita del Presidente Xi Jinping in Russia, dal 5 al 7 giugno, il Vice Ministro degli Esteri, Zhang Hanhui, ha espresso pesanti valutazioni sul duro contenzioso in corso ormai da mesi tra i due Paesi.

“Siamo contrari – ha affermato – alla guerra commerciale, ma non ne abbiamo paura: questa istigazione premeditata di un conflitto commerciale è puro terrorismo economico, omicidio economico e bullismo economico”.

L’ALLARME DEL FMI – Sulla guerra dei dazi che va avanti ormai da tempo, nei giorni scorsi è intervenuto anche il Fondo Monetario Internazionale che ha lanciato l’allarme.

“Una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina può mettere a rischio la crescita mondiale del 2019″, dice il FMI puntando i riflettori sui possibili scenari futuri, ovviamente negativi.

Secondo gli esperti, “a livello globale” gli ulteriori dazi annunciati da Usa e Cina “sottrarranno circa un terzo di punto percentuale di Pil nel breve termine,la metà del quale legato alla sfiducia delle aziende e dei mercati. Questi effetti si vanno ad aggiungere a quelli dei dazi attuati nel 2018″. In questo scontro, “un ulteriore aumento dei dazi sarà probabilmente scaricato sui consumatori”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dazi, Pechino accusa Washington di “terrorismo economico”