Dazi Coldiretti: “Da Wto scure Trump su Made in Italy”

(Teleborsa) – Il via libera alla richiesta americana di introdurre i dazi contro l’Ue, in sede di arbitrato alla World Trade Organization, rischia di colpire pesantemente importanti settori del Made in Italy, dall’alimentare alla moda. A lanciare l’allarme, in vista della pubblicazione nei prossimi giorni sul Federal Register della lista di prodotti cui il Governo americano potrà applicare i dazi, è la Coldiretti.

Una decisione che si inserisce nella disputa interna al settore aereonautico che coinvolge l’americana Boeing e l’europea Airbus. Secondo indiscrezioni a fronte di una lista Usa di prodotti da sottoporre a dazio per un valore totale di 21 miliardi di dollari, la sentenza del Wto potrebbe “autorizzare” dazi nei confronti dei prodotti europei per un importo compreso tra 5 e 10 miliardi di dollari.

I Paesi maggiormente colpiti, sulla base della black list già pubblicata sul registro Federale Usa, potrebbero essere la Francia, l’Italia e la Germania. Nel nostro Paese, in particolare, a pagare le conseguenze di tale misura sarebbe il Made in Italy agroalimentare con – spiega la Coldiretti – ripercussioni su prodotti come formaggi, vini, salumi, pasta, olio extravergine di oliva, ma anche la moda.

Una mossa che – denuncia la Coldiretti – sarebbe sostenuta soprattutto dalla lobby dell’industria casearia Usa (Ccfn) che, al fine di favorire l’industria del falso Made in Italy, aveva già chiesto al presidente degli Stati Uniti Donald Trump di imporre dazi alle importazioni di formaggi europei. Un rischio grave per l’industria casearia nazionale, a partire da Parmigiano e Grana, che nei primi sei mesi del 2019 – conclude la Coldiretti – ha messo a segno un aumento del 7% nelle esportazioni a livello globale.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dazi Coldiretti: “Da Wto scure Trump su Made in Italy&#8221...