Danone rimuove Faber da CEO e presidente dopo pressione fondi attivisti

(Teleborsa) – Il consiglio di amministrazione di Danone ha deciso di sostituire Emmanuel Faber come amministratore delegato e presidente, dopo mesi in cui la governance del colosso alimentare francese era stata messa sotto pressione dai fondi attivisti. In un primo momento sembrava che Faber dovesse solo rimettere la carica di CEO, tenendo quella di presidente, ma dopo una lunga riunione nella serata di domenica, il CdA ha deciso diversamente.

Il board ha nominato Gilles Schnepp (ex presidente e CEO del gruppo Legrand) presidente non esecutivo, avviando contestualmente la ricerca di un nuovo amministratore delegato. Véronique Penchienati-Bosetta, attualmente Chief Executive Officer International, e Shane Grant, attualmente Chief Executive Officer North America, guideranno ad interim le attività finche non sarà trovato il nuovo CEO, spiega una nota.

Danone ha anche incaricato un’agenzia di ricerca internazionale per aiutare il presidente e il CdA nel processo di selezione. Gli investitori attivisti stavano attaccando Danone per quello che definivano una cronica sotto-performance rispetto al più grande rivale Nestlé, chiedendo pubblicamente la rimozione di Faber.

(Foto: © Maxim Kuzubov / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Danone rimuove Faber da CEO e presidente dopo pressione fondi attivist...