D’Alema: nesso tra Italia ed Europa “inscindibile”

(Teleborsa) – “Oggi, di fronte alla pandemia, si è registrata una svolta in due sensi: in quello delle politiche, delle policies, nella scelta di una via di sviluppo, potremmo dire keynesiana, di rilancio degli investimenti e della iniziativa di un grande piano come EU Next Generation che non è soltanto quantitativamente imponente ma è anche importante per le finalità che si propone. Esso è esplicitamente indirizzato a una grande riconversione verde dell’economia europea e alla riduzione delle disuguaglianze: questi temi vanno considerati insieme, il contenuto ambientale e il contenuto sociale. L’altro senso della svolta europea, altrettanto importante, è quello della integrazione politica”. Così Massimo D’Alema in una lunga intervista – realizzata da Marco Emanuele – a The Science of Where Magazine, diretto da Emilio Albertario.

“Quando l’Europa si fa carico di un debito europeo per finanziare lo sviluppo (ricordiamo che, in parte, questo Recovery Fund è alimentato dal debito europeo) – sottolinea l’ex Premier- si tratta di un atto fortissimo di sovranità europea. Contrariamente alla ventata nazionalista e sovranista che ha percorso l’Europa, non solo gli Stati Uniti, oggi abbiamo una Europa molto più fortemente integrata. Non c’è il minimo dubbio che il nesso tra Italia e Europa si sia molto rafforzato: si tratta di un nesso inscindibile. Se l’Europa non avesse avuto la forza della solidarietà, il vincolo si sarebbe allentato in modo drammatico. Oggi, per l’Italia, il ruolo della Banca Centrale europea e dei fondi europei è la conditio sine qua non per lo sviluppo del Paese”.

Invitato poi dal giornalista a una riflessione “sull’importanza del fattore tecnologico e dell’innovazione sia all’interno del Recovery europeo e italiano sia nel rapporto strategico con un colosso come la Cina”, osserva: “Non c’è dubbio che l’esperienza della pandemia abbiamo fatto fare un salto di qualità alla digitalizzazione del mondo. Viviamo una esperienza di massa legata allo smart working, alle conferenze e alle riunioni online, persino con un processo di acculturazione. Gli strumenti tecnologici sono entrati nella nostra vita e l’hanno profondamente cambiata. Un Paese come l’Italia deve investire le risorse del Recovery Fund innanzitutto per compiere un salto tecnologico: il che significa ammodernare lo Stato e, nello stesso tempo, fare un salto di competitività nel sistema produttivo”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

D’Alema: nesso tra Italia ed Europa “inscindibile”