Da fabbriche a banche, sicurezza al centro: sindacati pronti allo sciopero

(Teleborsa) – Sicurezza dei lavoratori al primo posto: i sindacati chiedono con forza di modificare il decreto in senso più restrittivo minacciando lo sciopero ove non ci saranno le condizioni di tutela. Proprio per cercare di stoppare i malumori di queste ore, i Ministri dello Sviluppo economico e dell’Economia, Stefano Patuanelli e Roberto Gualtieri hanno convocato per oggi 24 marzo alle 11 una videoconferenza con Cgil, Cisl e Uil, dopo che i segretari generali Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo hanno inviato una lettera per chiedere “con urgenza un incontro” sul DPCM di domenica.

Per i sindacati, infatti, molte delle attività non sospese non sono indispensabili o essenziali e, per questo, chiedono di rivedere l’elenco. Mentre i lavoratori delle aziende metalmeccaniche della Lombardia sciopereranno mercoledì 25 marzo per 8 ore – “la Lombardia è una regione dove sono necessarie misure più restrittive sulle attività da lasciare aperte” – anche i metalmeccanici della regione Lazio sono pronti a proclamare lo sciopero.

LANDINI, APPELLO A CONTE: APPLICHI PROTOCOLLO SICUREZZA – “Noi vogliamo trovare la migliore soluzione possibile per la sicurezza dei lavoratori, la salute dei cittadini e l’economia del Paese”. Lo sottolinea in una intervista a Repubblica, il leader della Cgil, Maurizio Landini rispondendo alle critiche di quanti hanno messo in dubbio l’opportunità di uno sciopero generale con il Paese in piena emergenza coronavirus.

La nostra – spiega – non è una protesta contro qualcuno, nè per un interesse dei lavoratori come quando si lotta per avere un aumento del salario o una riduzione dell’orario. Questa volta scioperiamo per la difesa della salute e della sicurezza di chi lavora. E se non ho altri mezzi per affermare questi valori, io, sindacalista, ricorro anche alle agitazioni. Noi vogliamo che si lavori in tutte le attività essenziali applicando il protocollo sulla sicurezza firmato a Palazzo Chigi”.

Pronti alla mobilitazione anche i sindacati dei bancari che minacciano lo sciopero. I segretari generali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin in una lettera spedita questa mattina all’Abi, a Federcasse, a tutte le banche, e, per conoscenza, al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte denunciano come “i dipendenti del settore, tra i quali si registrano molti casi di positività al coronavirus, non operano in condizioni di sicurezza”, senza mascherine, guanti e disinfettanti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Da fabbriche a banche, sicurezza al centro: sindacati pronti allo&nbsp...