D-Day Bolloré

(Teleborsa) – E’ in corso nel cuore di Parigi, al teatro dell’Olympia, l’assemblea degli azionisti di Vivendi, primo azionista di Telecom Italia con il 23,9% e secondo azionista di Mediaset con il 28,8%.

I soci dovrebbero riconfermare Vincent Bolloré come Presidente del gruppo francese che ha riaffermato il ruolo di azionista di lungo termine dell’operatore italiano di telecomunicazioni. 

Bolloré, infatti, a pochi giorni dalla mossa dell’Agcom (il gruppo francese deve scendere di quota entro un anno o nella società dei telefoni o in Mediaset), ha chiarito la sua posizione su Telecom durante l’assemblea dove i fari sono accesi sul dossier Telecom-Mediaset. “In Italia è complicato, ma possiamo fare meglio”, ha detto il top manager. 

Nella parte ordinaria, i soci saranno chiamati ad approvare, tra l’altro, il bilancio 2016, la proposta di distribuzione del dividendo e la ratifica della cooptazione del figlio di Bolloré, Yannick, come membro del supervisory board. Nella sessione straordinaria, invece, gli azionisti dovranno deliberare tra le altre cose sulla proposta di conferire al management la delega per un aumento di capitale fino a un massimo di 750 milioni di euro.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

D-Day Bolloré