Crotone riapre con Ryanair su Bergamo e Pisa. Alborante: “Momento importante”

(Teleborsa) – Con il 1° giugno Ryanair riapre i collegamenti dall’aeroporto di Crotone, che di fatto viene riattivato dopo un lungo periodo di inattività. Due le rotte servite, per Pisa e Bergamo. Abbiamo chiesto a John Alborante, Sales & Marketing Manager Italia di Ryanair, quale significato assume questa novità nel panorama del network italiano della compagnia irlandese

“Credo che sia molto importante puntualizzare quello che è la riapertura dell’aeroporto di Crotone, nel modo specifico per quanto riguarda la Calabria, una zona che ha molto bisogno di mobilità, da un lato per portare turisti, dall’altro lato anche per dare mobilità alle persone nel territorio”, ha detto il manager della low cost. 

Crotone è “il 29esimo aeroporto il nostro network italiano“, ha precisato Alborante, commentando “assolutamente molto, ma molto importante, il lavoro che c’è stato oggi per la riapertura delle operazioni su Crotone, dalla Regione piuttosto che dall’aeroporto calabrese”. 

“Un momento molto importante e molto voluto dal territorio calabrese”, ha proseguito il manager di Ryanair, aggiungendo “siamo molto contenti di questo, che è la prima rotta della “peak season” estiva italiana che inizia esattamente dal 1° giugno”.

“Una rotta che sarà servita giornalmente su Bergamo e tre volte alla settimana su Pisa”, ha spiegato Alborante, parlando di una “nuova opportunità per quanto riguarda il turismo in Italia, non solo a Crotone”.

“Quindi pensiamo di essere artefice di quello che può essere un tassello molto importante dell’economia italiana, il turismo, e dall’altro lato un momento molto importante per la mobilità del territorio calabrese stesso, e non solo, nel dare la possibilità ai cittadini locali di potersi muovere e viaggiare”.

Siamo a inizio estate 2018. Ryanair ha già annunciato l’orario della Summer 2019, anno in cui è previsto l’arrivo dei primi Boeing 737 Max 200. Ecco quali novità attenderci.

Abbiamo lanciato recentemente 150 delle nostre rotte storiche italiane, le rotte che sono seguite maggiormente da italiani ed anche dagli stranieri che vengono in Italia. Quindi sono 150 notte già disponibili in vendita per l’estate 2019“, ha risposto.

 

“Nel 2019 dovremmo anche ricevere i primi 737 Max quindi un aeromobile con una maggior capacità di posti, con un consumo inferiore del 15% e che inquina molto meno degli attuali livelli acustici, parliamo di un 30-40% in meno di inquinamento acustico”, ha spiegato il manager. 

“Assolutamente una novità – ha aggiunto – che rafforza e, diciamo così, puntualizza quella che è la posizione della Ryanair nei confronti della Eco-solidarietà, quindi una compagnia aerea attenta all’ambiente, minor consumo vuol dire minore inquinamento, minore inquinamento acustico vuol dire anche minor disturbo a persone o cose”.

“In più, portare più passeggeri ci può sempre aiutare a rafforzare quello che è nostro obiettivo, quello che è il nostro “karma”, che è quello di dare sempre le tariffe migliori ai nostri clienti”, ha sottolineato Alborante.

“Oltre a ciò, questi aeromobili avendo anche un discorso di distanza di volo maggiore rispetto ai voli attuali, potrà aiutare quello che è lo sviluppo di questo nostro network su nuove destinazioni che stiamo aprendo”, ha affermato, spiegando “non dimentichiamoci che abbiamo aperto destinazioni su Israele, sulla Giordania, verso l’Ucraina, quindi ci sono possibilità di intensificare quelli che sono i collegamenti da queste destinazioni più lontane, più remote, ai confini dell’Europa, verso destinazioni potrebbero essere anche in Italia piuttosto che Nord Europa, quindi aumentare il range del nostro network“, ha concluso.

Crotone riapre con Ryanair su Bergamo e Pisa. Alborante: “Moment...