Crisi, sempre meno imprese chiudono i battenti

(Teleborsa) – Si rafforza il calo delle chiusure aziendali nel terzo trimestre dell’anno, in scia ai segnali positivi emersi da inizio anno.

E’ la fotografia scattata da Cerved, società che si occupa di analisi del rischio del credito, segnalando che le liquidazioni sono ai minimi dal 2006 e riflettono le migliorate attese degli imprenditori mentre i fallimenti sono in leggero aumento nei tre mesi ma complessivamente in calo nei primi nove mesi dell’anno. 

Tra luglio e settembre oltre 15 mila imprese hanno chiuso i battenti, circa il 10% in meno dello stesso periodo del 2014. Il miglioramento si deve soprattutto al forte calo delle liquidazioni volontarie, un dato che riflette il sentiment più positivo degli imprenditori italiani, mentre si registra un lieve aumento dei fallimenti.

“Il terzo trimestre del 2015 ci conferma alcuni trend iniziati nei mesi passati – commenta Gianandrea De Bernardis, Amministratore Delegato di Cerved – “Il calo delle chiusure aziendali, in atto dall’inizio del 2014 è proseguito, rafforzandosi. Il miglioramento è dovuto soprattutto alla forte diminuzione delle liquidazioni volontarie, un dato che riflette un ritorno di fiducia da parte degli imprenditori italiani verso la ripresa economica del paese.”

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Crisi, sempre meno imprese chiudono i battenti