Criptovalute, Commissione UE lavora a direttiva per frenare frodi ed evasione

(Teleborsa) – La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica per raccogliere pareri in merito alla tassazione di criptovalute e valute elettroniche, con l’obiettivo di “frenare frodi e evasione fiscali”. Enti di ricerca, governi, imprese e associazioni hanno tempo fino al 2 giugno per fornire indicazioni di cui l’esecutivo UE terrà conto nella stesura di una direttiva europea sulla cooperazione amministrativa in questi ambiti.

“Questa iniziativa – afferma Bruxelles – fornirà alle amministrazioni fiscali le informazioni per identificare i contribuenti che stanno attivamente utilizzando nuovi mezzi di pagamento o di investimento, in particolare crypto-asset ed e-money, allo scopo di limitare evasione e frodi fiscali“.

In particolare, le informazioni raccolte attraverso la consultazione dovrebbero consentire una definizione di “obblighi di rendicontazione che garantiscano una tassazione equa evitando oneri amministrativi eccessivi e fornendo allo stesso tempo parità di condizioni e un regolamento comune per i 27 Stati membri dell’UE”.

La direttiva punta anche a stabilire sanzioni per attività illecite con le criptovalute. “Il contributo raccolto attraverso la consultazione dovrebbe consentire una definizione più precisa e comune di sanzioni e misure di conformità efficaci, proporzionate e dissuasive per evitare l’elusione fiscale e potenziali distorsioni del mercato interno”, viene spiegato.

(Foto: © Wit Olszewski / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Criptovalute, Commissione UE lavora a direttiva per frenare frodi ed e...