Crescita, Squinzi: lo 0,8% nel 2015 “lo darei per acquisito”, ma non basta

(Teleborsa) – Il governo riuscirà a centrare l’obiettivo di crescita per il 2015? Questa è la domanda che si stanno facendo in molti dopo gli ultimi dati Istat che parlano per il momento di una variazione acquisita per il 2015 dello 0,6%.

“Lo 0,8% di crescita del PIL nel 2015 lo darei per acquisito, poi vediamo”, ha dichiarato oggi il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, specificando che “lo 0,8% non è una crescita tumultuosa. Anche io onestamente, sulla base dei dati che erano usciti a un certo punto, pensavo che si potesse arrivare allo 0,9% (target dell’esecutivo), se non all’1%”. 

Il presidente degli industriali ha poi specificato che una crescita su questi livelli non è sufficiente per riavvicinarci alla media europea. “Abbiamo perso otto punti di PIL in questi otto-nove anni di crisi, quindi ci vuole altro per riavvicinarci alla media europea, ci vuole almeno un 1% inizialmente e poi, come dico da tempo, l’obiettivo deve essere quello di trovare una crescita del 2%”.

Crescita, Squinzi: lo 0,8% nel 2015 “lo darei per acquisito&#822...