Credito Valtellinese, Fiordi: “i potenziali partner non sono mille. Deciderà il nuovo CdA”

(Teleborsa) – Analisi intraday

Anche il Credito Valtellinese  soccombe all’ondata di vendite che sta travolgendo i listini e, in particolare, i titoli del credito quotati a Piazza Affari.

Oggi l’Amministratore Delegato del Gruppo bancario, Miro Fiordi, ha ribadito che la trasformazione in Spa imposta dalla riforma delle popolari avverrà in autunno.

“Fino ad aprile non succederà nulla. La nostra roadmap ha previsto la trasformazione in Spa in autunno, quindi non c’è nessun rallentamento” ha dichiarato arrivando al Comitato esecutivo dell’ABI.

Quanto ad eventuali aggregazioni, Fiordi ha spiegato che “i partner potenziali non sono mille, c’è poco da fare ricerche”, aggiungendo che sarà il nuovo Consiglio di Amministrazione a decidere su un’eventuale aggregazione.

Quanto al titolo, che al momento sta cedendo in Borsa il 5,55%, lo scenario tecnico visto ad una settimana del titolo rispetto all’indice, evidenzia un rallentamento del trend di Credito Valtellinese rispetto al FTSE Italia Mid Cap, e ciò rende il titolo potenziale obiettivo di vendita da parte degli investitori.

Le maggiori attese vedono un estensione del ribasso verso l’area di supporto stimata a 0,8148 e successiva a quota 0,7892. Resistenza a 0,8663.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Credito Valtellinese, Fiordi: “i potenziali partner non sono mil...