Crédit Agricole FriulAdria, assemblea approva bilancio 2020

(Teleborsa) – L’assemblea degli azionisti di Crédit Agricole FriulAdria ha approvato oggi il progetto di bilancio 2020, chiuso con un utile netto di 51,3 milioni. Lo stock dei crediti in bonis si attesta a oltre 7 miliardi di euro (+4% a/a), trainato dall’erogazione di 4.500 mutui casa. Al 31 dicembre 2020, la banca ha erogato circa 5.400 prestiti con garanzia statale per un totale di 500 milioni di euro, mentre i finanziamenti i cui pagamenti sono stati oggetto di sospensione ammontano a 1,5 miliardi.

L’incidenza dei crediti deteriorati lordi sugli impieghi è del 4,6%, quella dei crediti deteriorati netti è pari al 2%. In crescita gli indicatori di solidità (CET1 ratio 13,6% e Total Capital ratio 14,4%). La raccolta diretta incrementa dell’11% a 9 miliardi di euro. Nel 2020 sono stati quasi 22 mila i nuovi clienti acquisiti dalla banca.

Tra le iniziative di maggior respiro che nei prossimi mesi vedranno impegnata la banca in Friuli Venezia Giulia e Veneto, vengono segnalati: il progetto Le Village Triveneto by Crédit Agricole, l’acceleratore di startup in avanzata fase di realizzazione a Padova che verrà avviato entro il 2021; la nascente collaborazione con Anbi Veneto, ente che coordina i consorzi di bonifica e si impegna nella difesa e nella gestione delle risorse idriche; la creazione di una “centrale dell’abitare” in partnership con l’Ambito Territoriale Noncello di Pordenone, l’Azienda Sanitaria del Friuli Occidentale e Fondazione Friuli.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Crédit Agricole FriulAdria, assemblea approva bilancio 2020