Crac banche, il Tesoro svela numeri ed effetti del salvataggio

(Teleborsa) – La risoluzione e il salvataggio delle quattro banche (Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti) ha messo al sicuro i risparmi di circa 1 milione di correntisti e obbligazionisti per un controvalore di circa 12 miliardi di euro. Lo annuncia il Tesoro con una nota spiegando che “l’azzeramento del valore delle obbligazioni subordinate oggetto di risoluzione ha invece riguardato titoli per un valore nominale di 340 milioni distribuiti su una platea di 10.500 obbligazionisti”.

“Grazie al salvataggio sono nate 4 nuove banche con forza patrimoniale molto superiore a quella delle banche originarie, gravate da crediti in sofferenza o non esigibili” spiegano da Viale XX Settembre aggiungendo che “le 4 nuove banche sostengono il tessuto economico del territorio: circa 200.000 piccole e medie imprese, commercianti e artigiani che dispongono di fidi e aperture di credito continuano a godere del sostegno finanziario per la propria attività da parte delle nuove banche”.

Conservato il livello occupazionale sul territorio, perché i 6.000 dipendenti proseguono il loro rapporto di lavoro con le nuove banche e anche le 1.000 persone occupate nell’indotto non hanno subito impatti a causa della crisi.

Sul tessuto socio-economico dei territori in cui operano le 4 banche vengono quindi riversati più di 24 miliardi di euro di raccolta.

Le nuove banche dispongono dell’attivo delle banche precedenti, ad esclusione dei crediti in sofferenza che gravavano sui bilanci sono stati trasferiti a una bad bank. In questo modo, spiega il Tesoro, “le nuove banche hanno una situazione patrimoniale che le rende molto robuste e dotate di abbondante liquidità e tale da consentire in tempi rapidi la restituzione alla gestione privata come richiesto dalla normativa dell’Unione europea”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Crac banche, il Tesoro svela numeri ed effetti del salvataggio