Covid, UpB: Italia avanti con brio

(Teleborsa) – Nel secondo semestre dell’anno in corso ‘‘l’attività economica proseguirebbe la fase di recupero avviata in primavera, avvicinandosi ai valori pre-covid”.

Lo scrive l’Ufficio Parlamentare di bilancio nella Nota sulla congiuntura di ottobre 2021. Sulla base dei modelli di breve termine dell’Upb nel terzo trimestre ”il pil sarebbe cresciuto del 2,6 per cento rispetto ai tre mesi precedenti, con un intervallo di variabilità estremamente elevato”. ”L’incertezza sulle stime -avverte l’Upb- è molto forte, a causa principalmente della mancanza di affidabili indicatori tempestivi per il settore dei servizi.

Lavoro, il mercato si va normalizzando – Nel secondo trimestre – si legge ancora – “l’input di lavoro ha registrato un significativo incremento, sospinto dalla marcata espansione del PIL. L’occupazione ha successivamente frenato in estate, soprattutto nella componente femminile. Nel complesso del bimestre luglio-agosto il numero degli occupati complessivi ha comunque mostrato un progresso (0,4 per cento rispetto ai precedenti tre mesi), per il forte trascinamento statistico. Si è sensibilmente ridotto il ricorso ai regimi di integrazione salariale. Le ore di Cassa integrazione guadagni (CIG) autorizzate nel secondo trimestre sono diminuite dell’8,1 per cento, rispetto ai precedenti tre mesi, e la discesa è proseguita anche in luglio e agosto”.

La nota rileva anche che “l’avanzamento delle campagne vaccinali, soprattutto nei paesi avanzati, continua a trainare l’attività economica internazionale anche se il punto di svolta ciclico sembra essere stato superato”.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, UpB: Italia avanti con brio